Rubriche

Cingoli

Percorso Cingoli   Località: Cingoli KM: 31.09 Difficoltà: Medio Durata: 03:31:24 Dislivello: 964   Partenza dal Palazzotto, un giro organizzato tra i sentieri della 9fossi.Come sempre circondati da un bellissimo “palcoscenico” per la MTB tra salite e discese emozionanti, tra le quali infatti troviamo la nuova discesa della Panchina.Bel giro, adatto a quasi tutti, veterani e non…   Per la mappa clicca qui!

Scritto il 06 Aprile 2018 da #occhionascosto deisibillini

Variante all’itinerario n.4: finestra della Via Maurizi-Taddei

Raggiunto l’ampio canalone che scende nel versante nord dalla cima della Croce di Monte Bove è possibile traversare verso gli “spalti” per raggiungere, senza alcun bisogno di arrampicare, il passaggio più caratteristico delle vie di roccia del Monte Bove nord e cioè la cosiddetta “finestra” della via Maurizi-Taddei, un enorme arco di roccia naturale.Dall’itinerario 4, raggiunte le caratteristiche formazioni rocciose alla vostra destra, si sale ancora la sponda destra del canalone roccioso fino a deviare nettamente a sinistra a cercare il miglior punto di attraversata quindi, in lieve discesa, ci si porta nell’ampio ripiano ghiaioso denominato localmente “il campo sportivo”.Si traversa tutto il pendio dirigendosi verso lo spalto occidentale, in corrispondenza di un nucleo di faggi posto quasi sul margine inferiore del pendio. Avvicinandosi alle rocce si nota anche una traccia di sentiero che scende dalla ripidissima forcella posta tra la cima di Monte Bove Nord e la Croce di Monte Bove. Tale itinerario infatti è anche effettuabile da altro punto di partenza, ma contempla prima la salita da Frontignano per la val di Bove fino alla forcella, poi la discesa al “campo sportivo”, il raggiungimento della finestra, la successiva massacrante salita di ritorno alla forcella e la discesa finale in Val di Bove con ritorno a Frontignano. Tale percorso, oltre ad essere faticoso è anche piuttosto banale. Si costeggia quindi la barriera rocciosa dello spalto occidentale per una cengia piuttosto larga, intervallata da boschetti di faggi, fino a raggiungere uno spigolo.Aggirato lo spigolo si scende con attenzione nel canale della via “Maurizi-Taddei”. Dopo pochi metri si nota in alto, nel canale, la bellissima architettura della natura nota appunto come la “finestra”; un arco di roccia naturale alto oltre dieci metri.Si risale in facile arrampicata il ripido canalino facendo attenzione all’erba scivolosa. Si passa sotto all’arco di roccia e si scopre un'altra piccola finestra da cui ci si affaccia con vista verso l’abitato di Casali di Ussita.Per la discesa si percorre lo stesso itinerario oppure, come già indicato, dal “campo sportivo” si può salire alla forcella di Monte Bove per discendere a Calcara dalla Val di Bove per l’ampio tratturo segnato su carte e guide.

Scritto il 04 Aprile 2018 da Gianluca Carradorini

La mala scienza

Zhong Zhong e Hua Hua, le due cucciole di macaco clonate come materiale da sperimentazione, hanno ricevuto un nome ma con esso anche il peggior destino, il più aberrante frutto dell’attività umana. Chissà se pronunciarlo potrà far arrivare loro qualche scintilla di pensiero, nel gelo delle loro vite da laboratorio. Io non riesco a guardare le loro foto, mi chiedo se qualcuno di questi sperimentatori indegni riuscirà mai a incrociare il loro sguardo. Pensando a loro riporto questo articolo  ANNAMARIAMANZONI: SCIMMIETTE E SCIENZIATI: DALLA CINA SENZA AMORE

Scritto il 04 Aprile 2018 da Simona Carmenati

Sentiero Rosso N1

Percorso Sentiero Rosso N1   Località: Caldarola KM: 24.65 Difficoltà: Medio Durata: 03:25:33 Dislivello: 996   Praticamente questo è il sentiero che ha “battezzato” l’ Associazione ASD MONTI AZZURRI…Questa è stata la prima prova che abbiamo affrontato tutti insieme con passione e spirito di gruppo che da sempre caratterizza i “nostri” Cari Associati…   Per la mappa clicca qui!

Scritto il 03 Aprile 2018 da #occhionascosto deisibillini

Buca del terremoto - Imbranato

Percorso Buca del terremoto-Imbranato   Località: Caldarola KM: 40.07 Difficoltà: Medio Durata: 03:58:55 Dislivello: 3022   Partenza, come di consueto, da Caldarola passando per il nuovo parco eolico di Camerino procedendo in direzione della Buca del Terremoto, si scende imboccando “l’ Imbranato“, discesa divertente.Bella passeggiatina con punti veramente suggestivi…   Per la mappa clicca qui!        

Scritto il 31 Marzo 2018 da #occhionascosto deisibillini

Caldarola - Pizzo Meta - Fargno - Rio Sacro - Monte Fiegni

Percorso Caldarola - Pizzo Meta - Fargno - Rio Sacro - Monte Fiegni   Località: Caldarola KM: 75.16 Difficoltà: Difficile Durata: 08:13:06 Dislivello: 3022   Bellissimo giro con partenza da Caldarola, passando per Frz Croce verso Villa Di Montalto. Prendiamo la strada per Monastero, super salitone fino al Fargno(1800 mslm) senza dimenticare che siamo solo a metà giro… Ci aspetta il Sentiero di “Rio Sacro” che mette alla prova anche il biker’s più esperto, veramente una discesa emozionante! Finita la discesa, arrivati a Fiastra, ecco l’ ultimo “ostacolo”, che dopo quello che abbiamo passato non è da meno….Monte Fiegni,  su in salita fino ai prati… Da qui comunque possiamo dire che è finalmente finita perchè ci aspetta tutta discesa fino a Caldarola! Vista la durata del giro non sottovalutare l’equipaggiamento…   Per la mappa clicca qui!

Scritto il 28 Marzo 2018 da #occhionascosto deisibillini

Via Calcara - Poggio Paradiso – Croce di Monte Bove nord per il versante nord

L’itinerario si svolge nel versante nord tra il Monte Bove nord e la Croce di Monte Bove; per chi ha un elevato spirito di osservazione può notarlo addirittura segnato in alcune cartine in commercio con una piccolissima puntinatura nera o rossa. Non esiste però alcuna descrizione nelle varie guide, ne tantomeno ci sono riferimenti sul posto (bolli rossi, ometti di sassi o altro). È pertanto un itinerario tutto da scoprire ed è necessaria un'adeguata conoscenza del versante nord del massiccio del Monte Bove.Si consiglia di cercare il percorso con un binocolo ad esempio da Casali di Ussita, osservando bene il punto chiave di salita di tale versante, caratterizzato da una quasi continua barriera di rocce, e memorizzare bene tutti i passaggi in modo da godersi poi la salita. Descrizione: da Calcara di Ussita prendere la strada (chiusa con sbarra) che porta a Poggio Paradiso, passando sotto ai canali nord della Croce di Monte Bove, si supera la verticale del torrione della Grotta del Diavolo e il suo relativo canale che scende alla sua sinistra quindi si giunge all’altezza del grande canale che scende direttamente dalla cima della Croce di Monte Bove, chiuso a sua volta in alto da una barriera rocciosa strapiombante sormontata da un bosco. Qui ci si innalza faticosamente nel bosco senza alcun sentiero, fino a raggiungere le prime rocce poste alla destra del canalone stesso. Si individua una cengia che corre sotto alle rocce e nel bosco in salita verso destra e che scavalca la barriera rocciosa fino ad incontrare un canale erboso che si risale fino ad un nucleo di grossi faggi .È questo il passaggio chiave che occorre aver individuato prima di iniziare la salita, altrimenti si rischia di trovarsi in difficoltà.Sempre in ripida salita per pendio erboso ci si porta verso sinistra su una cresta posta nel bordo destro dell’ampio canalone che scende direttamente dalla Croce. Si sale la cresta fino a che il pendio non si fa più lieve, caratterizzato sulla destra da particolari formazioni rocciose (vedi foto). Da qui si può raggiungere la cima della Croce di Monte Bove proseguendo verso nord (in direzione di Ussita) per poi risalire i canali erbosi del versante ovest oppure si può effettuare l’itinerario n.5, molto più entusiasmante. Per raggiungere la cima della Croce di Monte Bove si scavalcano le particolari formazioni rocciose incontrate al termine del canale e si inizia una traversata in quota verso la sommità del torrione della Grotta del Diavolo che si raggiunge in pochi minuti. Dal torrione si nota una traccia di sentiero che sale verso sinistra e che scavalca lo spigolo nord per portarsi su cenge nel versante ovest.Con almeno 3 ore di salita si raggiunge così la cresta ovest, che è percorsa da un itinerario che porta direttamente alla cima della Croce di Monte Bove, salendo per l’ultimo ripido canalino erboso dal quale si esce proprio in corrispondenza della grande croce metallica. Discesa: Dalla cima si prende la cresta in direzione del Monte Bove Nord fino alla sella erbosa in cui un sentiero porta verso la fonte della Val di Bove; da qui si scende su tratturo fino a Calcara. Via Calcara – Poggio Paradiso – Croce di Monte Bove nord variante finestra della via Maurizi-Taddei Itinerario di avvicinamento (in rosso):Da Calcara di Ussita prendere la strada che porta a Poggio Paradiso. Percorrere altri 200 metri superando la verticale del Torrione della Grotta del Diavolo e l’ampio canalone che scende dal versante nord della croce. Salita (in giallo): innalzarsi faticosamente nel bosco fino alla base delle pareti della croce di Monte Bove, a destra del canalone stesso, individuare la cengia di salita tra rocce e nuclei di alberi di faggio. Si risale la cresta a destra del canale che scende direttamente dalla croce fino ad arrivare ad un plateau caratterizzato da curiose formazioni rocciose. Per raggiungere la cima della Croce di Monte Bove salire in direzione nord sopra al torrione della Grotta del Diavolo quindi proseguire per cenge fino alla cresta ovest dove sale un itinerario riportato in altre guide. Oppure (variante in colore azzurro ) dal plateau deviare a sinistra, attraversare il canale e portarsi nell’ampio anfiteatro sottostante le pareti nord della Croce di Monte Bove (denominato campo sportivo), proseguire in direzione della base della grande parete nord del Monte Bove per raggiungere un nucleo boschivo da dove parte la cengia che permette di raggiungere la “finestra” della via Maurizi-Taddei. Itinerario di ritorno (in verde):Dalla cima della croce di Monte Bove si prende la cresta in direzione del Monte Bove nord fino alla sella erbosa in cui un sentiero porta verso la fonte della Val di Bove, da qui si scende su tratturo fino a Calcara. Dalla finestra ripercorrere l’itinerario di avvicinamento costeggiando la parete nord del Monte Bove fino al “campo sportivo” quindi risalire il canale che separa la croce dalle pareti nord del Monte Bove fino alla sella tra le due cime dove tramite comodo sentiero si scende alla fonte di Val di Bove.

Scritto il 28 Marzo 2018 da Gianluca Carradorini

Sentiero Verde n2

Percorso Sentiero Verde n2   Località: Caldarola KM: 17.26 Difficoltà: Facile Durata: 02:07:50 Dislivello: 642   Questo è il secondo sentierotracciato e tabellato dalla nostra Associazione, bel giro tra le “nostre” montagne, media difficoltà con un finale tutto da guidare…facendo il Sentiero del Tesoro si incrocia il sentiero De Magistris..veramente divertente. Giro nel complesso facile con discesa però abbastanza impegnativa..   Per la mappa clicca qui!

Scritto il 25 Marzo 2018 da #occhionascosto deisibillini