Rubrica - Mountain Bike sui Sibillini

CFM - Asinovia - Sentiero del Tesoro

Percorso CFM - Asinovia - Sentiero del Tesoro   Località: Caldarola KM: 30.91 Difficoltà: Medio Durata: 04:52:53 Dislivello: 1247   Appena partiti da Caldarola e raggiunto Frz. Croce iniziamo a seguire il CFM(Cammino Francescano della Marca, da Assisi ad Ascoli Piceno) che conduce in sequenza Frz.Pievefavera, Valcimarra, Valdiea e San Maroto.Questo primo tratto è reso abbastanza impegnativo colpa dei frequenti sali e scendi… nonostante il poco dislivello..A questo punto si inizia a seguire l’asinovia fino a raggiungere Santa Maria Maddalena con tratti di salita molto duri, dove si affronta  gran parte del dislivello di questo giro.Giunti alla chiesa di S.M. Maddalena troviamo l’ultimo “strappo” in salita poi tutta discesa con i due sentieri: “Sentiero del Tesoro” che che esce a Frz.Vestignanoe il “Sentiero De Magistris” che vi porterà al cimitero di Caldarola e quindi alla fine di questo giro.Questo percorso richiede un minimo di allenamento e di preparazione di guida nei tratti dei due sentieri in discesa.   Per la mappa clicca qui!  

Scritto il 14 Luglio 2018 da #occhionascosto deisibillini

Monte Cardosa

Percorso Monte Cardosa   Località: Visso KM: 26.07 Difficoltà: Medio Durata: 04:02:46 Dislivello: 1032   Partenza dal parcheggio del laghetto di Visso, appena partiti si sale dal borgo vicino al parcheggio,  subito in la salita per piu’ di 10 km sempre costante, ma pedalabile, solo in alcuni tratti più’ impegnativa.Giunti alle pendici del Monte Cardosa iniziate a girare il monte fino all’incrocio che porta a Monastero di S. Eustacchio ma in questo giro non faremo questo tratto, ci dirigeremo verso la vallata che porta direttamente al parcheggio dove siamo partiti con una stradina di oltre 10 km.Se si considera che siamo a dicembre direi che fare una merenda a 1500 metri di altezza è davvero una gran cosa.Giro di media difficoltà che non presenta particolari tratti hard.bello e panoramico.   Per la mappa clicca qui!

Scritto il 11 Luglio 2018 da #occhionascosto deisibillini

1┬░ TRAIL DEI CASTELLI CALDAROLESI

Percorso 1° TRAIL DEI CASTELLI CALDAROLESI   Località: Caldarola KM: 33 Difficoltà: Difficile Durata: 07:00:00 Dislivello: 2100   traccia del 1° trail dei castelli che si terra a Caldarola il 19 aprile 2015 partendo da piazza Vittorio Emanueleci si dirige verso Frz. Croce, passando per contrada colcù con direzione Pievefavera passando per la strada che in passato la collegava e che diventerà un tratto del sentiero francescano che va da Ascoli(ap) ad Assisi(pg).Giunti a Pievefavera si passa per il borgo e si va in direzione del lago, da dove poi risalire fino a continuare il sentiero francescano che ci porta direttamente a Frz. Valicimarra Alta.La prima vera salita , lunga e dura fino alla Croce di Valcimarra, dove, poco dopo la croce, riprende un tratto in discesa per poi risalire fino ai prati alti e prendere il’ sentiero della “Storta”, un sentiero ripido con tratti con fondo sconnesso e presenza di pietraia.Arrivati alla strada che collega Vestignano a Villa di Montalto si va fino al Tribbio(Castello di Montalto)e qui si ricomincia la salita che, a parte un piccolo tratto in discesa, sarà il secondo tratto davvero duro, ripido e lungo tutto in salita…la scalata del Monte Pietrella seguendo già sentieri segnalati dal CAI e il sentiero dell’Asinovia giungerete fino al Monte Fiegni e qui dovete andare ad intersecare l’ingresso del ‘sentiero della Storta ma stavolta scendendo fino a prendere il ‘Sentiero del Tesoro’ e ‘il sentiero De Magistris‘ tutti in discesa e a tratti anch’essi impegnativi per la presenza di sassi e solchi scavati dell’acqua.Arrivati al cimitero di Caldarola altro strappo il salita fino a riprendere e incrociare il primo tratto di salita per andare a fare un altro pezzo in discesa, il boschetto di Mariotti poi altro tratto in discesa fino ad arrivare al contrada Bozzolone, ultimo passaggio al castello per tornare in piazza Vittorio Emanuele avete completato il percorsocomplimenti! tempi di percorrenza stima ti medi :tra le 5-6 ore richiede esperienza e ottima preparazione fisica materiale obbligatorio da portare con se:-zainetto o portaborracce con riserva idrica-riserva alimentare adeguata all’impegno fisico da affrontare-scarpe da trail running-giacca a vento o giacca impermeabile a seconda della stagione, delle previsioni e del tempo impiegato-fischietto (in situazione di emergenza può essere l’unico modo per segnalare la propria presenza)telefonino-telo termico (utilissimo in caso di infortunio che obblighi a restare immobilizzati in attesa di soccorso e per prevenire ipotermia)-pila frontale (specie in inverno)-cerotti / banda elastica per fasciature Per la mappa clicca qui!    

Scritto il 08 Luglio 2018 da #occhionascosto deisibillini

Discesa della ruspa - Saxi Latronis

Percorso Discesa della ruspa - Saxi Latronis   Località: Caldarola KM: 29.21 Difficoltà: Medio Durata: 04:16:25 Dislivello: 983   Partenza da Caldarola, Piazza Vittorio Emanuele, direzione “ripetitore”.Si sale fino alla “cavetta” dirigendosi verso il rifugio della forestale dove poco più avanti si arriva al bivio per prendere la discesa detta “discesa della ruspa” per via di un mezzo rottosi e abbandonato in questo tratto.La discesa richiede mezzi idonei e abilità nella guida, è veramente divertente per via della scorrevolezza e dei tratti davvero veloci sicuramente non da sottovalutare…Si arriva ai “prati di Micozzi”, sopra Fiungo, proseguendo per Valcimarra. Arrivati alla Madonna del Sasso preparatevi a spingere la bici perchè un tratto dove solo per pochi da fare in sella… non molto, con 20 minuti siete arrivati al bivio dove proseguire a piedi per 5 minuti e arrivare al Saxi Latronis, che sono i resti di una struttura visibile dalla superstrada nei tratti tra le gallerie che davvero poche persone sanno come arrivarci…Godetevi lo scenario e immaginate come hanno fatto a fare questa struttura molti molti anni fa…Giro di boa e via verso la base..con 20 min. sarete di nuovo in piazza.. Avrete passato qualche ora in compagnia della vostra mtb o dei vostri amici e visto luoghi fantastici. Per la mappa clicca qui!

Scritto il 05 Luglio 2018 da #occhionascosto deisibillini

Sottacqua - Lapide Antenucci - Parr├▓

Percorso Sottacqua - Lapide Antenucci - Parrò   Località: Caldarola KM: 27.6 Difficoltà: Medio Durata: 04:28:58 Dislivello: 1109   Giretto che comprende salita costante fino a Monte Fiegni per poi affrontare belle discese a tratti anche tecniche e veloci.Passaggio alla lapide di Desiderio Antenucci, luogo dove purtroppo si perse e vene trovato mesi dopo da alcuni biker’s che avevano perso la strada anche loro.Si scende fino a Montalto e ultima discesa il “Parrò”Un bel giro per mettere alla prova tutte le proprie capacità   Per la mappa clicca qui!    

Scritto il 02 Luglio 2018 da #occhionascosto deisibillini

Pintura Bolognola - Fargno - Rifugio Amandola

Percorso Pintura Bolognola - Fargno - Rifugio Amandola   Località: Bolognola KM: 26.29 Difficoltà: Medio Durata: 04:22:21 Dislivello: 1163   Si parte da Pintura, si fa subito la salita che porta al Fargno, appena giunti al rifugio si apprezzano panorami e montagne, uno su tutti il Monte Bove.Dal rifugio si fa il sentiero che porta alla “forcella” del Fargno(Ancagnola)costeggiando Pizzo 3 Vescovi, scendendo fino ad arrivare a Castel Manardo troverete per un paio di rifugidal bivio Campolungo avrete tratti impegnativi sia in salita che in discesa ma niente di off limits.Appena preso il sentiero di Campoluogo, nel primo tratto conviene scendere per la troppa presenza di pietrame ma poi  avrete un bel single track fino al Rifugio Amandola per poi risalire tramite la strada della Garulla fino a Pintura, Giro non impossibile e senza il bisogno di un grande allenamento però richiede una certa esperienza di guida, ma bisogna valutare bene le condizioni meteo perchè spesso potrebbero influire sulla riuscita dell’ anello.bel giro!   Per la mappa clicca qui!

Scritto il 29 Giugno 2018 da #occhionascosto deisibillini

TranquilliHero dei Sibillini parte 2

Percorso TranquilliHero dei Sibillini parte 2   Località: Caldarola KM: 4000 Difficoltà: Difficile Durata: 14:13:16 Dislivello: 4000   Questo è il continuo della traccia TranquilliHERO dei Sibillini parte 1.Quindi per completare la traccia è necessario scaricare TranquilliHERO parte 1 e parte 2….. Per la mappa clicca qui!

Scritto il 26 Giugno 2018 da #occhionascosto deisibillini

TranquilliHero dei Sibillini parte1

Percorso TranquilliHero dei Sibillini parte1   Località: Caldarola KM: 101 Difficoltà: Difficile Durata: 14:13:10 Dislivello: 4000   Partenza per questo giro alle prime luci dell’alba…. inizio del giro da Piazza Vittorio Emanuele(Caldarola) con direzione Monte di Croce e su su…… fino a  Monte Fiegni quota 1330.Da qui scendiamo un po’ ed arriviamo a Fiegni paese, piccolo tratto asfaltato fino a raggiungere Fiastra passando nella piazzetta dove comincia la vera salita, 22km per arrivare al Rifugio del Fargno.Il primo rifornimento idrico, prima di inziare la salita del Monte Coglia, si trova di fronte la caserma della forestale.Appena giunti all’incrocio della strada che sale da Casali si puo intravedere il Monte Bove, Frontignano con i suoi impianti sciistici e il Santuario di Macereto.Giunti al Fargno, altro punto d’interesse sia per mangiare che per bere, continuare il tour seguendo la strada e scendendo verso Pintura di Bolognola e durante la discesa, se il rifugio dovesse essere chiuso troverete una fonte sulla dx mentre scendete.Prima di giungere a Pintura seguite il cartello che vi dà “strada senza uscita” e ricominciate a salire, questa volta  alla conquista di Castel Manardo, salita progressiva apparte qualche tornante inziale.Giunti alla fine della salita sulla sinisrta dovete seguire il sentiero di “Campolungo” che vi farà scendere fino a Rifugio Amandola passando dal Monte Amandola, discesa impegnativa con un single track a tratti davvero difficile… consigliabile scendere su alcuni tratti per la presenza di grandi sassi.Giunti al Rifugio Amandola, 1200 m, altro punto dove troverete una fonte, scendere fino a quota 800m circa per 2 km, all’incrocio della strada che porta a Garulla Superiore prendere verso Pintura, salita  per 5km costanti non ripidi e per bei tratti anche sotto l’ombra.Arrivati di nuovo a Pintura di Bolognola ora dovrete fare un altro tratto di asfalto fino al Passo della Maddalena e da qui seguire il sentiero che passa a Pizzo Mèta per poi scendere fino ai Prati di Ragnolo, altro single track  e arrivati a Monastero, altro punto dove rifornirsi d’acqua.Fate tutta la discesa fino al Fiastrone, quota 490 m, cominciano le ultime ma terribili salite!Si comincia con la salita che porta fino a Villa di Montalto, poi l’ultimo immenso sacroficio, solo per veri biker’s altrimenti vi aspettano 2 ore di bici a spinta! fino a raggiungere la Pietrella, ma giunti in quota avrete la senzazione di essere davvero Heroi.Da qui ormai il piu’ è fatto, vi resta uno strappo dalle Stabbiate fino al cancello di monte Fiegni poi altro strappettino fino a passare avanti il cancello della Storta, poi giù per i prati del ripetitore e tutte le corte fino a Croce.Qui ultimo strappetto che vi porta al serbatorio dell’acquedotto e altro single track finale con il tratto del sentierto che è lo stesso della Conero Cup del 2014 fino a giungere poi in Piazza Vittorio Emanuele.Ora non ci resta che farvi i nostri più sinceri complimenti….spero che la nostra Hero dei Sibilini vi sia piaciuta e il sacrificio sia stato ripagato da viste mozzafiato e paesaggi magici Sei anche te entrato nel club dei TranquillHero del gruppo ASD Bike Team Monti Azzurri!  il  piu’ bel giro che potevamo offrirvi!   Per la mappa clicca qui!

Scritto il 26 Giugno 2018 da #occhionascosto deisibillini