Galleria Fotografica - Estate

Scritto il 28 Novembre 2018 da Gianluca Carradorini

Un’esplosione di colori, la fioritura e la lenticchia di Castelluccio

L’estate è la stagione dei colori. Ormai famosa in tutto il mondo è la “fioritura” dei campi coltivati dei piani di Castelluccio di Norcia che ha luogo con il suo susseguirsi di colori, da metà giugno fino ai primi di agosto a seconda delle stagioni. In questi ultimi anni la “fioritura” si è fatta sempre più intensa e regolare, con enormi contrasti tra un campo e l’altro. Si passa da un campo rosso all’adiacente azzurro senza sfumatura, forse a causa dei cambiamenti climatici o della volontaria mano dell’uomo.
Ogni anno sempre più visitatori e fotografi da tutto il mondo, ho incontrato perfino dei giapponesi, vengono ad immortalare questo straordinario spettacolo della natura.

206 Veduta “aerea” della fioritura di Castelluccio vista dallo Scoglio dell’Aquila. In basso nel ghiaione la fioritura di Isatis Apennina

210 Man mano che passano i giorni di luglio la fioritura si fa sempre più intensa

Altrettanto famosa è la lenticchia IGP di Castelluccio, lo squisito legume che ha ricevuto il marchio europeo della “Identificazione Geografica Protetta”, coltivata in un’area estesa su parte del Piano Grande e del Piano Piccolo ricadente nel Comune di Norcia (PG) e su parte del Pian Perduto ricadente nel comune di Castelsantangelo sul Nera (MC).
La lenticchia di Castelluccio IGP si distingue dalle altre per il piccolo seme e la particolare resistenza alla contaminazione da parassiti, caratteristica innata che gli è conferita dall’ambiente naturale e dal clima rigido dell’altopiano, in cui cresce.
La lenticchia secca, nome scientifico Lens culinaris e nome locale “lenta”, ha un bassissimo contenuto di grassi (1,2%) ed elevato contenuto di proteine (28%), carboidrati (57%) e ferro. La pianta è una annuale, erbacea, generalmente alta da 20 cm a 70 cm., ma a Castelluccio difficilmente supera i 40 cm.

204 La pianta di lenticchia, alta poco più di 20 cm e con i piccoli fiori bianchi

Gli steli sono dritti e ramificati, le foglie alterne, composte pennate, contano da 10 a 14 foglioline opposte, oblunghe e terminano con un viticcio generalmente semplice o bifido.
I fiori, della grandezza di pochi millimetri, a corolla papilionacea, sono di color bianco o blu pallido e riuniti in grappoli da due a quattro, sono molto piccoli e non contribuiscono alla “fioritura” dei campi di Castelluccio, composta da papaveri, fiordalisi, brassica selvatica ecc..
I frutti sono dei baccelli appiattiti, corti, contenenti uno-tre semi dalla caratteristica forma a lente leggermente bombata. Il colore dei semi è molto variabile a seconda delle varietà, quella di Castelluccio, come previsto dal disciplinare di produzione IGP, è di colore dal verde screziato al marroncino chiaro, con presenza di semi tigrati.
La lenticchia veniva coltivata a Castelluccio fin dai tempi dei Romani secondo un susseguirsi di fasi lavorative tradizionali ormai modificate dall’avvento della tecnologia quali aratura, semina, fioritura, carpitura, ricacciatura, trita (ora trebbiatura), lu cantile, scamatura, conciatura, confezionamento e vendita.
Erroneamente la fioritura iniziale dei campi di Castelluccio, di colore giallo, viene attribuita alla Lenticchia ma in realtà è prodotta dai fiori gialli della Brassica arvensis spontanea, che fiorisce prima.

244 Edraianthus graminifolius, presente nell’appennino centrale, meridionale e Sicilia

Colori all’infinito, sullo sfondo il Pizzo del Diavolo

248 Bistorta officinalis con imenottero

Gianluca Carradorini

Chimico, libero professionista, risiede a Camerino. Ha pubblicato nel 2011 il libro “I MIEI MONTI SIBILLINI”, in cui ha descritto numerose vie escursionistiche ed alpinistiche inedite aperte da lui nel gruppo montuoso, corredate da una vasta galleria fotografica di immagini, riprese nel corso di tutte le stagioni. Frequenta ormai da più di 35 anni la catena dei Monti Sibillini, ha percorso tutti i sentieri riportati e non sulle carte o sulle guide e ha effettuato numerose salite alpinistiche classiche su roccia e ghiaccio. Conta più di 800 escursioni e salite alpinistiche sul gruppo dei Monti Sibillini, tutte documentate da immagini, con più di 5000 km percorsi a piedi nell’intero gruppo montuoso, con una media di salite di 15-20000 metri di dislivello totale all’anno. Appassionato ricercatore e conoscitore dei minerali, della ora e della fauna montana, dal 2010 è membro del Comitato Scientifico della delegazione Marche del Club Alpino Italiano. Per chi vuole e ettuare escursioni guidate con l’autore il contatto telefonico è 333 7844353 Mail: gcarradorini@alice.it