Scritto il 21 Settembre 2021 da Marco Colombo

Tutti i giorni cercano di prenderci in giro. E ci riescono, eccome, nella maggior parte dei casi.
Oggi è il panda “coccoloso”, domani il koala che ha commosso il web, poi l’amicizia (ma dove??) tra il serpente e il topo.
Gli umani sono ossessionati da questa anti-leopardiana visione di una natura in cui tutto è “puccioso”, delicato, gentile, “umano”.
La natura non è così edulcorata come ce la vogliono spacciare nei cartoni animati. I cartoni sono belli, piacciono pure a me, ma poi bisogna fare i dovuti, necessari distinguo.

E’ vero che esistono molti meccanismi di interessantissima simbiosi, cooperazione, coevoluzione (ne parlerò in un prossimo post), ma fermiamoci un attimo a riflettere sulla “gentilezza” della natura così come ci viene normalmente propinata.

La natura non è pucciosa. Insomma, quando ti punge una fottuta zecca dopo aver camminato ore tra i cespugli, la scena del Re Leone in cui tutti gli animali amici cantano assieme non è la prima cosa che ti venga in mente.

La natura non è pucciosa. La natura è violenta, aggressiva, armonica nei suoi disequilibri. È un miscuglio di istinti. Nel sereno cinguettìo degli uccelli di un bosco si cela una guerra canora all’ultima nota. E’ bellissimo. È un mondo, per semplificare assai, governato dalle tre S: Sesso, Sangue e Soldi. Anzi no, i soldi gli altri animali non li usano (seppur in varie specie ci siano scambi di diverso tipo).

La natura non è pucciosa. E così rimangono Sesso e Sangue. In natura, quando ti svegli al mattino, è possibile tu venga mangiato a breve se non sei scafato. Anzi, in natura, quando ti svegli al mattino, forse non fai neanche in tempo a svegliarti. È una guerra là fuori, una guerra silenziosa, senza esclusione di colpi, dove l’evoluzione nel corso del tempo ha plasmato gli strumenti necessari alla sopravvivenza.

La natura non è pucciosa. Se sei monogamo e non curi la/il partner, te la/lo fottono. Se sei poligamo e non ti dai da fare, avrai un harem piccolo, meno geni trasmessi, meno progenie.

E poi ci si mette anche il fattore “stocastico”, ovvero il caso, ovvero la sfiga. Non importa quanto tu cavalletta sia abile a saltare o volare, se atterri nel posto sbagliato, il ragno lupo ti fa secca.

E gli umani sono animali? Fanno parte della natura? Sì, decisamente.

La natura non è pucciosa. Per fortuna.

Marco Colombo

Nato nel 1988, mi interesso, da quando i miei sensi me lo permettono, di natura. Dopo aver trascorso un’infanzia a cercare bisce, ragni, insetti di ogni genere, toccare cortecce, pedinare cinghiali e volpi, scrutare il Mare ed i suoi variopinti...
Mostra di più